Perché Caserta Vecchia?



Attraversare le stradine di questo borgo, sarà un'esperienza che porterete nel cuore.
Vicoletti romantici, dove non mancano piccoli negozietti e ristoranti in cui mangiare un buon cibo.
Ricco di storia, con una vista strepitosa sulla città nuova.
Cosa vedere? Sicuramente la Cattedrale ed il Castello.





Le origini di Casertavecchia sono ancora incerte, ma secondo alcune informazioni estrapolate da uno scritto del monaco benedettino Erchemperto, già nell'anno 861 d.C. esisteva un nucleo urbano denominato "Casahirta" (dal latino casa che significa villaggio e hirta che significa aspra).
Il borgo ha subito nel corso della storia varie dominazioni.







Originariamente appartenente ai Longobardi, fu ceduto nel 879 al Conte Pandulfo di Capua.

A seguito delle incursioni saracene e alle devastazioni di Capua, gli abitanti e il clero delle zone circostanti trovarono in Casertavecchia, protetta dalle montagne, un rifugio sicuro.


































Nessun commento